Indirizzo: Varallo - VC - Via D'Adda, 33     Telefono: +39 0163 51753     Fax: +39 0163 51070     Indirizzo: Gattinara - VC - C.so Valsesia, 111     Telefono: +39 0163 826552     Fax: +39 0163 827450
Email: info@ipssar-gpastore.gov.it    PEC: vcrh040008@pec.istruzione.it     C.F.: 82003090022        

Studenti Ipssar al Bicentenario dell’Arma dei Carabinieri

Eventi, News, Studenti    0 Commenti     17/12/2014

foto_2-bicent-Arma

STUDENTI DELL’IPSSAR IN PREFETTURA

Lunedì 15 dicembre presso la Prefettura di Vercelli, tra gli studenti convocati in occasione della commemorazione del Bicentenario dell’Arma dei Carabinieri, c’erano anche quattro studenti dell’IPSSAR Pastore che hanno partecipato al concorso che aveva per tema i duecento anni di storia dell’Arma attraverso gli occhi degli studenti. La partecipazione al suddetto concorso comportava l’elaborazione di testi di vario genere, disegni, presentazioni o foto che in qualche modo si riferissero all’Arma come presidio di libertà, legalità e convivenza civile. I nostri studenti, Daniele Vettorello, Giada Grai, Cerutti Rebecca e Villano Martina, hanno prodotto semplici testi che testimoniano tanto la popolarità di cui godono quanto la soggezione che gli agenti incutono nei cittadini. Denominatore di questi testi, e di tutti gli elaborati che hanno partecipato al concorso, è sicuramente la quotidianità dell’impegno dei Carabinieri nelle nostre comunità, piccole o grandi che siano.

Gli studenti riuniti nel Salone Storico della Prefettura hanno ascoltato le parole del Prefetto S. E. Salvatore Malfi che ha organizzato e dato l’avvio all’evento, seguite dal discorso del Prof. Renato Balduzzi, componente del Consiglio Superiore della Magistratura e da quello del Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Vercelli, Paolo Tamponi. Molto significative sono state le parole di quest’ultimo in riferimento all’importanza della cultura che costituisce un valido ostacolo alla criminalità e la scuola è chiamata proprio ad agire nel senso della diffusione della cultura della legalità tra i giovani. Dopo il riconoscimento a tutti gli studenti di ordine grado d’istruzione, dalle scuole materne a quelle superiori, che hanno partecipato al Concorso c’è stato ancora l’intervento dello storico Gianni Oliva che ha ripercorso sinteticamente i duecento anni di storia dell’Arma, il più antico corpo militare nato proprio in Piemonte il 13 luglio 1814 e che ha accompagnato la vita dello Stato Sabaudo prima e dello Stato Italiano. In tutti questi anni ha agito in rappresentanza dello Stato in ogni circostanza, anche nei momenti di crisi della democrazia.

I ragazzi sono tornati a casa con alcuni gadgets donati dall’Arma, l’attestato di partecipazione e l’emozione provata di fronte ai personaggi autorevoli tra i quali si sono trovati, autorità delle forze dell’ordine e amministratori pubblici.

 

Scarica gli elaborati degli studenti Ipssar

IPSSAR Pastore, Varallo

Torna all'inizio dei contenuti